Tag:

Da “IL PROFETA” di K. Gibran (1 Commento)

E un uomo domandò: - Parlaci della Conoscenza -.
Ed egli rispose, dicendo:
-I vostri cuori conoscono in silenzio i segreti dei giorni e delle notti.
Ma le orecchie hanno sete di sentire il suono di questa conosenza del cuore.
Vorreste conoscere con parole ciò che avete sempre pensato.
Vorreste toccare con le dita il nudo corpo dei vostri sogni.

Ed è bene che lo facciate.
La sorgente nascosta della vostra anima dovrà scaturire e scorrere sussurrando verso il mare;
E il tesoro della vostra infinita profondità si rivelerà ai vostri occhi.
Ma non pesate con la bilancia quell’ignoto tesoro;
E non cercate di sondare le profondità della vostra conoscenza con l’asta o lo scandaglio.
Poichè il vostro Io è un mare sconfinato e incommensurabile.

Non dite: - Ho trovato la verità -, ma piuttosto : - Ho trovato una verità -.
Non dita: - Ho trovato il sentiero dell’anima -. Dite piuttosto: Sul mio sentiero ho incontrato l’anima in cammino -.
Poichè l’anima cammina in tutti i sentieri.
L’anima non cammina su di una linea, nè cresce come una canna.
L’anima dischiude se stessa come un fiore di loto dagli innumerevoli petali -.

clicca

icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download
Tags: and
Da “IL PROFETA” di K. Gibran (0 Commenti, scrivi tu)

Allora un maestro disse: - Parlaci dell’Insegnamento -.
Ed egli disse:
- Nessun uomo può rivelarvi se non quello che già giace semiaddormentato nell’alba della vostra conoscenza.
Il maestro che cammina all’ombra del tempio tra i suoi seguaci non elargisce la sua saggezza, ma piuttosto la sua fede e il suo amore.
E se egli è saggio non vi inviterà a entrare nella casa della propria saggezza, ma vi condurrà invece alla soglia della vostra mente.
L’astronomo può parlarvi di ciò che sa degli spazi, ma non può darvi la sua conoscenza.
Il musicista vi canterà la melodia che è nello spazio, ma non può darvi il suono fissato nell’orecchio, nè la voce che gli fa eco.
E chi è versato nella scienza dei numeri potrà descrivervi le regioni di pesi e di misure, ma non potrà condurvi colà.
Poichè la visione di un uomo non può prestare le proprie ali ad un altro uomo.
E come ciascuno di voi sta solo davanti alla conoscenza di Dio, così ognuno di voi deve essere solo nella sua conoscenza di Dio e nella sua conoscenza della terra -.

icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download
Tags:
‘A Livella di TOTO’ (2 Commenti)

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31″

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro - netturbino”:
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

(Recitata da Francesco, Domenico, Viviana, Giulia, Paolo, Giuseppe, Riccardo, Gaetano, Mario, Vincenzo, Gina, eddangela e lo strepitoso Orlando della classe 4^ A, Don Bosco, Cardito)

icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download
Tags:
La vita di Trilussa (0 Commenti, scrivi tu)

La tartaruga disse alla lucertola:
- Abbi pazienza, fermati un momento!
E giri, e corri, e svicoli, e t’arrampichi,
sempre in fretta, sempre in movimento.
Mi fai l’effetto d’una pila elettrica.
Ti piace essere attiva? Va benone.
Però l’attività quando s’esagera
lo sai bene come si chiama? Agitazione:
forza sprecata. E’ la mania del secolo.
Corrono tutti a gran velocità:
ognuno cerca d’arrivar per primo,
ma dove, proprio dove… non si sa.

Recitata da Gina, Domenico, Paolo, Giuseppe, Gaetano della classe 4^ A del II Circolo Don Bosco di Cardito (NA)

icon for podpress  Standard Podcast: Play Now | Play in Popup | Download
Tags: , , and


Baijii

Things to look for before you actually decide on the various sound track treatment products

Things to look for before you actually decide on the various sound track treatment products

Most of the brands and manufacturers in Australia, offer a wide range of digital audio equipment and products that people may buy for the sake of getting a quality sound track or else they may need it to produce high quality sound broadcasting for gaining more exposure and attention from others.

It is always better to analyse the various digital media products in detail, so that you may know the features, the functions and the various effects that you can create with the help of these kinds of equipment.

In case if a person is interested to buy professional microphone, motorised projector screen, home projectors, home cinema, audio equipment, and the various kinds of broadcast solutions or home theatre projectors there are many things that should be looked for when buying any of such things.

These could be: The functions and advantages

No matter if you have bought anything manufactured by Integra or you have the Pro Audio, you should be sure that the functions and the advantages work best for you and you might not have to worry about handling multiple tasks or a variety of tasks.

Make sure you know the functions and their complexity

Understanding the complexity and the level of functions in any of the setup you have is necessary. In most cases things like the digital asset management and other such setups should be understood before you actually start using it. The complexity of the feature may make it hard for you to decide on the quality and performance of the equipment.

To make it sure that your audio job will be done to the perfection you need, you should know how to tackle the equipment and what would be the consequences of not having quality products with you.




© Copyright baijii.com 2019

Creative Commons License
Puoi condividere i nostri suoni cosi' Creative Commons Music Sharing License.